ASIA PLANTATION CAPITAL: alberi da investimento nel rispetto dell’ecosistema

  Antonio Cogliandro   Gen 26, 2019   AgriBusiness   Commenti disabilitati su ASIA PLANTATION CAPITAL: alberi da investimento nel rispetto dell’ecosistema

Asian Plantation Capital alberi da investimento

Asia Plantation Capital (APC) – gruppo proprietario di diverse colture e aziende agricole a livello globale – si apre oggi al vecchio continente con le foreste di Aquilaria, sempreverde del sud-est asiatico da cui estrarre un olio molto pregiato.

La natura: l’investimento più fruttuoso

Dopo la crescita iperbolica sperimentata dal settore industriale durante gli ultimi due secoli (crescita non priva di effetti collaterali…), ora è la natura a dettare l’agenda finanziaria del prossimo futuro… anzi già quella del presente!

La necessità di un ritorno alla natura, sia come agricoltura sia come risorsa per la produzione di beni di consumo, è una convinzione che nutro da anni e che mi ha portato, di recente, ad assumere la carica di Regional Director per Italia e Svizzera di Agritech Investments – un fondo di investimento russo rivolto alla coltivazione e all’implementazione di nuove tecnologie agricole.

Ultimamente, poi, ho scoperto un settore che potrebbe trasformarsi in un business fortunato (nonché etico): gli alberi di Aquilaria e il loro aromatico agarwood. Continuate a leggere se volete saperne di più.

La rara Aquilaria, il prezioso agarwood

L’Aquilaria è una sempreverde originaria del sud-est asiatico – diffusa, in particolare, in India, Thailandia e Malesia – che, in determinate condizioni, produce un durame legnoso ricco di resina, noto con il nome inglese di agarwood (o anche: jinko, aloeswood, Oud, oppure “legno degli dei” – come lo chiamano da sempre i locali).

Si tratta di una sostanza “preziosa”, perché ricercata sin dalla notte dei tempi (pare che il suo commercio internazionale risalga al XIII secolo d.C.) per la realizzazione di medicamenti, profumi, incensi e unguenti. In Occidente, la resina delle aquilarie è impiegata soprattutto nella profumeria – Tom Ford, Christian Dior, Armani e Calvin Klein sono solo alcuni dei grandi marchi internazionali che fanno uso dell’olio di Oud per produrre le proprie rinomate fragranze! Oltre che all’aroma inebriante, la pregiatezza e i prezzi elevati dell’agarwood sono dovuti anche alla sua scarsità. Sebbene, infatti, trovare in natura un albero produttivo di agarwood sia tutt’altro che raro*, gli ultimi decenni hanno registrato, tuttavia, una drastica riduzione del numero di esemplari di Aquilaria, per via soprattutto della deforestazione indiscriminata e non autorizzata, condotta per scopi economici.

Tanto che, dagli anni ‘90, l’Aquilaria è inserita nell’elenco CITES delle piante a rischio di estinzione: quelle che non possono essere raccolte, abbattute e commercializzate senza una specifica licenza.

Asia Plantation Capital: luxury + green + human rights = wealth!

Asia Plantation Capital – proprietario e gestore di numerose piantagioni e imprese agricole in Asia e non solo – mira a trasformare il disboscamento selvaggio ai danni delle aquilarie in progetti ecosostenibili, aiutando al contempo le comunità locali a fare impresa per trarre profitto dalle risorse naturali delle proprie terre. Nel mercato dell’agarwood, come negli altri settori (APC è anche presente in numerose piantagioni di riso, mais, cipressi, abeti rossi, bambù, teak, vetiver etc.), le strategie finanziarie di Asia Plantation Capital sono dunque mosse dal motto delle “3 P” – persone, pianeta, profitto.

E venendo, appunto, alla questione profitto, il gruppo APC offre alla platea dei potenziali investitori in agarwood, diverse soluzioni finanziarie tra cui scegliere. Eccole di seguito.

1) Acquisto diretto di alberi di Aquilaria, assicurati contro furto, incendio, catastrofi naturali e altri danni, in modalità:
a) alberelli del valore di 22.000 dollari, per una durata minima di 7 anni, al termine dei quali si otterrà la restituzione di capitale e interessi;
b) alberi semi-maturi dal valore di 500.000 dollari, con cash-back a partire dal quinto anno.
2) Acquisto di obbligazioni dal taglio minimo di 125.000 dollari, con cedola annua dell’8 o del 9%, secondo il prodotto scelto.

Ora che sapete qualcosa di più su agarwood e Asia Plantation Capital, contattatemi pure per avere delucidazioni e suggerimenti su come muovervi in questo campo.

 

* I fattori che fanno da innesco alla produzione di agarwood sono in primis l’infezione dell’albero ad opera di muffe, parassiti e altri microrganismi, ma anche l’aggressione da parte di agenti atmosferici come vento e fulmini e gli attacchi di animali. Eventi da cui L’Aquilaria cerca di sanarsi impregnando il suo legno con la tanto apprezzata resina odorosa.